Print on demand: come vendere magliette e prodotti personalizzati in dropshipping

Print on demand: come vendere magliette in dropshipping

Che tu sia un'artista, designer o imprenditore, i prodotti fisici possono essere la tela perfetta per monetizzare la tua creatività. Dalle t-shirt ai poster, dagli zaini ai libri, puoi dare il tuo tocco originale ai prodotti di uso quotidiano e venderli online. Ma se scegli il sistema tradizionale di acquisto e gestione dell’inventario, potresti ritrovarti con un sacco di merce invenduta.

In tuo soccorso arriva il print on demand.

Con i servizi di print on demand risparmierai tempo, denaro e i rischi connessi alla gestione dell’inventario, passando dalla creazione alla vendita di prodotti personalizzati senza eccessive spese. Ecco tutto quello che c'è da sapere per iniziare.

Cos'è il print on demand e come funziona?

Servizi di print on demand

Il print on demand, o stampa on demand, è un servizio che consiste nella personalizzazione di prodotti white label (cappellini, t-shirt, tazze, ecc.) con il tuo design, tramite un fornitore di stampa, da rivendere poi su ordinazione.

Di fatto, non pagherai i prodotti fino al momento della vendita, per cui non dovrai né comprare all'ingrossogestire un inventario.

Inoltre, la fase successiva alla vendita — dalla stampa alla spedizione —, viene gestita dal fornitore. Una volta impostato questo meccanismo, potrai evadere ogni ordine in pochi clic.

Quando optare per i servizi di print on demand

Il print on demand è la soluzione ideale per:

  • Testare idee di business o una nuova linea di prodotti per un’azienda esistente senza i rischi connessi all’acquisto dell'inventario.
  • Monetizzare i follower. Il print on demand è un'ottima opzione per guadagnare con YouTube o tramite influencer marketing e desideri occuparti della creazione di contenuti senza evadere personalmente gli ordini.
  • Creare prodotti originali per una nicchia di clienti, ad esempio abbigliamento per gamers.
  • Stampare articoli e prodotti personalizzati. Che tu voglia vendere magliette online, libri, scarpe, borse, opere d’arte, custodie per telefoni, orologi, skin per laptop, tazze, ecc, il print on demand è perfetto per creare prodotti personalizzati senza investire ingenti somme di denaro.

I pro e i contro del print on demand

Grazie ai servizi di print on demand, potrai costruire un’attività basata sul modello del dropshipping, dove prodotti e spedizioni sono interamente gestiti da terzi. È uno dei metodi più accessibili per procurarsi dei prodotti e aprire un negozio online. Ma prima di iniziare, ecco i vantaggi e gli svantaggi del print on demand.

Pro

  • Creazione rapida dei prodotti. Una volta realizzato il design, potrai creare il prodotto e metterlo in vendita in pochi minuti.
  • Non devi pensare alla spedizione. Spedizione ed evasione degli ordini sono gestiti dal fornitore. Dopo la vendita, dovrai occuparti solo dell’assistenza clienti.
  • Basso investimento, rischio minore. Poiché non hai un inventario fisico, puoi più facilmente aggiungere o togliere prodotti dalla vendita, testare delle idee e aggiustare il tiro.

Contro

  • Margini di guadagno più bassi. Naturalmente il print on demand comporta costi per articolo superiori rispetto a quelli ottenibili con l’acquisto all'ingrosso. I prodotti on demand possono produrre profitti minori, a seconda del prezzo di vendita e anche in base alle modalità di acquisizione dei clienti.
  • Meno controllo sulle spedizioni. I costi di spedizione possono crearti qualche difficoltà, in quanto variano spesso in base al prodotto. Inoltre potrai incontrare delle limitazioni se vorresti offrire un'eccellente esperienza di unboxing ai clienti.
  • Limiti per la personalizzazione. Le possibilità di personalizzare i prodotti dipende dal fornitore e dal prodotto. Per decidere quali prodotti personalizzare, dovrai valutare costi di base, opzioni di personalizzazione, tecniche di stampa e taglie disponibili.

Servizi di print on demand per la creazione di prodotti personalizzati

A prima vista, probabilmente, molti servizi di print on demand ti sembreranno simili tra loro. Ma scegli con attenzione, anche in base al tipo di prodotto da vendere, al luogo di spedizione e ai prezzi al dettaglio da applicare per raggiungere il break even point.

Ad esempio, un prodotto dal costo di base contenuto potrebbe sembrarti la scelta migliore, salvo poi a realizzare che impiegherebbe 21 giorni a raggiungere i clienti con la spedizione ePacket.

Per aiutarti nella scelta, ecco alcuni dei migliori fornitori in print on demand.

1. Printful

Printful

Tra i servizi di print on demand, Printful (app Shopify) è uno tra i più popolari. Infatti offre un’ampia selezione di prodotti e marchi (Gildan, American Apparel, ecc.), oltre a generatori di mock-up facili da usare. In più, offre la possibilità di personalizzare l'esperienza di unboxing aggiungendo il marchio su adesivi, biglietti chiudipacco e note personalizzate.

Tecniche di stampa su Printful

Specialmente per i prodotti di abbigliamento, Printful offre una serie di tecniche di stampa. Eccone alcune da conoscere:

  • Stampa diretta sull’indumento. L'inchiostro viene applicato direttamente sul materiale, il che è particolarmente indicato per i disegni più semplici (es. magliette spiritose). In questo caso è possibile stampare solo su determinate aree del prodotto.
  • Stampa “taglia e cuci”. Il metodo è noto anche come “stampa all over”, cioè su tutto il capo. Il capo di abbigliamento è stampato a pezzi per ottenere una copertura ottimale, e poi viene cucito insieme per una stampa senza soluzione di continuità su tutto il prodotto. Anche se i costi di base possono essere più elevati, in questo modo è possibile creare un prodotto di qualità superiore, vendibile a un prezzo più alto. Questa tecnica non va confusa con la “stampa sublimatica”, che è un metodo meno accurato ma più economico per ottenere una stampa all over.
  • Il ricamo è forse la tecnica di stampa più complessa, perché il prodotto finale è in realtà un disegno in filo con effetto 3D. Questo metodo è ideale per i disegni semplici, con pochi colori. Oppure per prodotti come i cappellini, che tradizionalmente presentano disegni ricamati.

Inoltre, dovrai tener conto di quanto le personalizzazioni extra incidano sul prezzo. Ad esempio, stampare sulla manica di solito significa pagare una certa tariffa in aggiunta al costo di base.

Oltre all'abbigliamento, Printful offre anche tazze, cuscini, poster incorniciati, teli da spiaggia, grembiuli e altro ancora.

Printful servizio di print on demand per t-shirts e altri prodotti

2. Lulu Xpress

È una piattaforma di autopubblicazione, per la stampa e la distribuzione di libri ed ebook - ideale quindi per iniziare a vendere libri online o vendere ebook.

Lulu Xpress (app Shopify) offre un servizio di print on demand, con possibilità di scelta tra un'ampia gamma di formati, tipi di rilegatura e qualità di pagina o stampa per la creazione del vostro prodotto editoriale.

Pur non includendo un editor integrato per progettare il libro, Lulu Xpress offre dei modelli scaricabili per iniziare. Ha anche un sistema di calcolo trasparente dei prezzi per preventivare i costi del progetto, comprese le varie opzioni di spedizione.

Tra l’altro, offre degli sconti sugli ordini all'ingrosso.

Lulu servizio di print on demand per libri

3. Gooten

Come Printful, Gooten (app Shopify) offre un'ampia gamma di prodotti personalizzabili, molti dei quali sono presenti unicamente nel suo catalogo; ad esempio i calendari e le cucce per cani.

Tuttavia, poiché Gooten utilizza una rete internazionale di fornitori per stampare i propri prodotti, non offre una completa uniformità nella qualità degli articoli e nelle condizioni di spedizione. Comunque questo si traduce spesso in prezzi più bassi del previsto, sia sui prodotti che sulle spedizioni.

Gooten ha anche un editor di immagini intuitivo, che vi fornisce un’anteprima piuttosto realistica circa l’effetto della stampa sul prodotto.

Gooten servizio di print on demand per diversi prodotti

4. Printify

Printify (app Shopify) è uno dei vari servizi di print on demand che offrono la classica selezione di t-shirt e felpe con cappuccio.

Si contraddistingue dagli altri servizi perché, grazie alla sua rete internazionale di fornitori, offre una serie di prodotti white label difficilmente trovabili altrove; ad esempio gioielli, orologi, scarpe e bottiglie d'acqua. La piattaforma vanta oltre 200 tipi di prodotti stampabili.

Printify è un servizio gratuito, ma offre un abbonamento premium che per 29 dollari al mese garantisce lo sconto del 20% su tutti i prodotti; questa è un'opzione valida se hai in mente di accrescere la tua attività e migliorare i margini di profitto.

Printify servizio di print on demand per t-shirts, gioielli e altri prodotti

4. Hoplix

Hoplix

Hoplix è una piattaforma italiana di print on demand: tra il catalogo di prodotti personalizzati pronti per la stampa on demand, offre magliette, articoli di arredamento, cuscini, cover, tazze e altro ancora. Insomma, una gamma di prodotti print on demand davvero completa e per tutti. La piattaforma, inoltre offre una pratica integrazione con Shopify tramite l'app dedicata PlixPod.

Per ricapitolare, ecco i migliori servizi di print on demand:

  • Printful;
  • Lulu Express;
  • Gooten;
  • Printify;
  • Hoplix


Come occuparti del design senza essere dei designer

Ovviamente per avere successo realizzando prodotti di stampa on demand è fondamentale un elemento: il design. Ma non devi essere necessariamente designer professionista per trovare dei design originali. Esistono varie soluzioni per commissionare a terzi o produrre i design. La cosa importante è comprendere alcuni concetti chiave per lavorare bene con i designer.

Prima di tutto parliamo della preparazione del file di stampa. Quando ti rivolgi a un designer, dovrai specificare che il progetto è destinato alla stampa. Con questa indicazione, il designer saprà che occorre un’immagine di 300 pixel digitali per pollice (DPI o PPI) con sfondo trasparente e altre caratteristiche di design che differenziano un’immagine per la stampa da una per il web.

Tieni presente che le caratteristiche di un file per la stampa variano a seconda della stampante e della tecnica di stampa utilizzata. In caso di dubbi, invia al designer le caratteristiche di stampa per il prodotto specifico e le eventuali linee guida per la stampa, in modo che abbia un quadro preciso.

I disegni caricati devono essere grandi come l'area di stampa del prodotto o più grandi; ingrandire un’immagine troppo piccola comporta una perdita di qualità. Se non hai Photoshop, puoi usare Pixlr (gratuito) o scegliere altri programmi di fotoritocco gratis.

Modelli magliette per print on demand

Dove trovare delle idee di design e dei designer

Su Behance, Dribble o altri siti per freelancer, puoi ottenere lavori soddisfacenti, a patto di fornire istruzioni chiare. Ecco come illustrare chiaramente il tuo progetto a un designer:

  • Descrivi il tuo pubblico. Spiega al designer a quale tipo di pubblico sono diretti i tuoi prodotti e a quale uso sono destinati. Anche mostrargli il sito, se ne hai uno, può essere utile.
  • Spiega in dettaglio che tipo di design cerchi. Nella richiesta iniziale e nelle successive comunicazioni dei dettagli (dovrebbero essere almeno una o due), comunica in modo più chiaro possibile quale design desideri e le linee guida da seguire; cerca di fornire un feedback concreto ad ogni step del percorso.
  • Offri degli esempi come fonte di ispirazione. Dai al designer un esempio su cui basarsi o indicategli come riferimento un suo lavoro precedente che ti è piaciuto.

Fonti di ispirazione per il design

Ci sono molti designer di talento, quindi dovresti riuscire a trovare qualcuno in grado di dar vita alle tue idee. Ma la parte più difficile è capire esattamente quale tipo di design vorresti ottenere.

Certamente questo dipende dal target a cui il tuo prodotto è destinato. Cerca delle fonti di ispirazione su:

  • Pinterest
  • Social Network come Facebook e Instagram
  • Reddit
  • e ovunque nel web si intrattengano i potenziali clienti.

Puoi trovare idee valide cercando contenuti, messaggi e stili adatti al tuo target di riferimento; assicurati soltanto di non commettere violazioni del copyright.

I social media sono anche un ottimo banco di prova per testare le tue idee. Se internet è il tuo centro d'interesse, provate quanto segue:

  • Consulta i tuoi contatti e gruppi Facebook;
  • Chiedi un feedback tramite gli adesivi di Instagram oppure con domande e sondaggi sulle storie di Instagram;
  • Pubblica una bozza della tua idea di design in un subreddit pertinente.

Come avviare un'attività di print on demand

In linea di massima, utilizzare un servizio di stampa on demand è semplice, anche perché non richiede la gestione di un inventario. Ma esistono alcune particolarità che dovresti tener presenti e anche alcuni potenziali problemi, che però fortunatamente potrai evitare.

1. Ordina sempre dei campioni

La garanzia di qualità è essenziale quando si utilizzano servizi di stampa on demand per la vendita online. È sempre possibile qualche divergenza del prodotto stampato rispetto a quanto viene visualizzato sullo schermo. Ma potrai rivolgerti all'assistenza clienti del tuo fornitore per avere dei consigli su come risolvere gli eventuali problemi.

Assicurati che il prodotto fisico abbia l'aspetto e offra la sensazione che effettivamente desideri. Il modo migliore per farlo è quello di essere “clienti di te stesso”, in modo da sperimentare in prima persona cosa significhi ricevere i tuoi prodotti. Alcuni servizi, come Printful, offrono uno sconto fino al 20% o la spedizione gratuita per i campioni di prodotto. Cerca di approfittare di questi vantaggi, se sono disponibili.

Oltre a garantire la qualità del prodotto, i campioni possono esserti utili per scattare le foto per il sito e per i profili sui social media.

2. Adotta una strategia per evitare problemi con le spedizioni

Anche se non ti occuperai di spedire i prodotti, le spedizioni possono causarti problemi sotto più aspetti: tempistiche, costi e corretta definizione delle aspettative dei clienti.

Prima di tutto, assicurati di considerare i tempi di stampa. Alle normali tempistiche di spedizione aggiungete 2-4 giorni per la produzione, o anche di più, a seconda del prodotto.

Mantieni i clienti aggiornati sui tempi di spedizione o la casella email del tuo servizio di assistenza clienti sarà sommersa dalle richieste sulle spedizioni. Descrivi cosa i clienti debbano aspettarsi nella pagina delle FAQ o anche in una pagina autonoma, dedicata a informare i clienti su condizioni e tempistiche di spedizione.

Spedizioni gratuite

Se possibile, prov ad assorbire parzialmente o completamente i costi di spedizione nel prezzo di vendita al dettaglio. Anno dopo anno, gli studi dimostrano che le spese di spedizione aggiunte alla cassa possono dissuadere i clienti dall'acquisto. Oltre a questo, la spedizione gratuita rafforza alcune vostre azioni di marketing:

  • La spedizione gratuita favorisce le vendite, anche quando viene offerta solo per zone specifiche, e fornisce ai clienti un ulteriore incentivo all'acquisto.
  • La spedizione gratuita condizionata (ad esempio, “Ricevi la spedizione gratuita se spendi almeno 30 Euro”) incoraggia i clienti ad aggiungere altri articoli al carrello per raggiungere la soglia prevista aumentando il valore medio dell'ordine; e di solito aiuta a ottenere migliori tariffe accorpando più articoli in un’unica spedizione.
  • Puoi utilizzare la spedizione gratuita per giustificare tempi di attesa più lunghi; infatti, molti consumatori sono disposti ad attendere un po’ più a lungo per la consegna pur di risparmiare i soldi della spedizione.

Spedizione gratuita per print on demand

3. Crea dei mock-up per mostrare i prodotti

Molti servizi di print on demand permettono di creare dei mock-up personalizzati, per mostrare i tuoi prodotti, indossati o flatlay. Ma esistono altri servizi e numerosi modelli per mock-up gratuiti che possono aiutarti a presentare i prodotti.

Poiché i mock-up sono lo strumento che vende il prodotto ai clienti, può valere la pena di investire qualcosa per ottenere un servizio migliore. PlaceIt è un generatore di mock-up facile da usare, che permette di creare dei mock-up per foto e video a 8 dollari l’uno. Oppure, se conoscete le basi di Photoshop o di altri strumenti di fotoritocco, puoi trovare dei modelli da utilizzare sfogliando Mockup World o Behance.

print on demand

4. Concentrati su una nicchia per semplificare il marketing

In definitiva, il marketing è ciò che determina il successo della tua attività. Ma se il tuo obiettivo è troppo vasto, non riuscirai a fare centro. Ecco perché definire l’obiettivo è così importante, indipendentemente dalle tattiche impiegate.

Avere un pubblico circoscritto (ad es. proprietari di cani) può effettivamente aiutarti a creare dei prodotti richiesti, abbassando i costi per acquisire clienti e massimizzando i vostri potenziali profitti; questo perché le decisioni saranno mirate per un target specifico.

Meglio ancora se attraverso il marketing riuscirai a costruire un tuo pubblico; in questo caso, avrai una risorsa stabile su cui poter contare, anche quando dovrai variare i prodotti in vendita.

Marketing: da dove iniziare

Le possibilità per fare marketing sono innumerevoli, ma ecco alcune idee per iniziare:

  • Aprire un account Instagram e create o selezionate dei contenuti per il vostro target di riferimento. Cerca di sviluppare relazioni autentiche per aumentare i follower su Instagram.
  • Crea delle campagne Facebook mirate in base agli interessi del target di clienti. Puoi anche utilizzare le inserzioni su Facebook per testare i design a soli 10 dollari, verificando quali siano i più adatti al pubblico.
  • Raccoglie le email dei visitatori per continuare a pubblicizzare i tuoi prodotti gratuitamente.
  • Invia un campione dei vostri con una campagna di influencer marketing che possono avere impatto sul pubblico aiutandoti a realizzare delle vendite.

Senz’altro, costruire un pubblico composto dai vostri clienti ideali è fondamentale per il successo a lungo termine; e ciò a prescindere dall’utilizzo o meno del print on demand.

Per ulteriori idee di marketing, non dimenticare di consultare la nostra guida: “Come realizzare la prima vendita in 30 giorni.

Conclusioni

I servizi di print on demand offrono una fonte accessibile di prodotti da vendere per i nuovi imprenditori e per chiunque voglia testare un'idea prima di investire.

Se la tua idea commerciale ha successo e iniziate a generare un numero significativo di vendite, puoi sempre passare dalla print on demand alla creazione di un tuo inventario; oppure puoi continuare a utilizzare questi servizi per avere più tempo da dedicare ad accrescere il pubblico. La scelta sta a te.

Un ringraziamento speciale a Kyle Howard, Senior Designer di Shopify, e a Liz Bertorelli, proprietaria di Passion Fruit, per aver condiviso la loro esperienza in questo articolo.


Articolo originale di Braveen Kumar, tradotto da Maria Teresa Cantafora.

Domande frequenti sulla stampa on-demand

Cos'è il print on demand?

Per print on demand si intende la personalizzazione di prodotti "white label" (cappellini, shopper, magliette, ecc.) con il vostro design tramite un fornitore, che verranno poi rivenduti con il vostro brand su ordinazione.

Cos'è il dropshipping?

Il dropshipping è un modello di business che consente di vendere prodotti senza possederli fisicamente. Quando i clienti acquistano un prodotto sul vostro negozio online, l'ordine viene inoltrato al fornitore che si occupa dello stoccaggio, della spedizione e consegna del prodotto per voi.

Quanto costa stampare una maglietta?

Il costo per stampare magliette dipende da diversi fattori, tra cui: qualità della maglietta, tipologia di stampa, numero di colori, complessità dell'immagine e quantità di magliette ordinate. Più saranno le magliette che stampate, minore sarà il costo. In linea di massima, è possibile stimare un costo che va da 5 € a 15 € per una maglietta semplice.

Quali sono i vantaggi della stampa on-demand?

Rapidità: una volta finalizzato il design, potete creare il prodotto e iniziare a venderlo subito. Spedizione effettuata da terzi: la spedizione e l'evasione degli ordini vengono direttamente effettuati dal fornitore. Basso investimento e pochi rischi: non avendo necessità di inventario, potete aggiungere, togliere o testare nuovi prodotti senza investire grosse cifre.
Argomenti: