Vuoi aprire un negozio online?

Come vendere magliette online: la guida definitiva per il 2022

Come vendere magliette online

La t-shirt, la maglietta, è uno dei punti cardine della moda casual, universalmente utilizzata da uomini e donne di tutto il mondo. Non si tratta solo di un indumento base, ma anche di un mezzo di espressione per artisti e imprenditori.

Vendere magliette online è diventata una scelta di business molto comune e per molti neo-imprenditori dare vita a un brand di t-shirt online è uno dei metodi più economici di aprire un negozio online.

Con la crescita del settore, non c’è dubbio che la competizione sia diventata molto aggressiva. Per avere successo nel vendere magliette online dovrete offrire un design che piaccia alla gente in generale, una brand identity riconoscibile e una qualità di prodotto affidabile.

In questa guida, illustreremo il processo creativo occorrente a lanciare il vostro marchio e iniziare a vendere magliette online.

Ci occuperemo di ciascun passaggio necessario a creare un negozio online di magliette che sia vincente e di successo.



Vendere magliette online è facile…

Ecco una buona notizia: creare e lanciare un brand di magliette è abbastanza economico e veloce. Se avete già un’idea sul tipo di design, potete dar vita al vostro business e iniziare a vendere magliette online in poche ore.

Con una delle tante app dello Shopify App store, potete anche collegare il vostro negozio con un’azienda che stampa e lavora in dropshipping. Potrete così iniziare a vendere online con un negozio funzionante e pronto a stampare e spedire le magliette ai vostri clienti.

…Ma è anche duro e faticoso

Al giorno d’oggi è molto facile accedere agli strumenti e alle tecnologie per disegnare, stampare e spedire t-shirt. La cosa difficile, però, è creare un brand che si distingua dalla concorrenza. La competizione e i margini ristretti di guadagno sono i due elementi che rendono il business delle t-shirt online più difficile di quanto sembri.

Per avere successo con un negozio di t-shirt online, quindi, dovete prendere le decisioni giuste, fin dall’inizio.

Quindi, come vendere magliette online? Ecco tutte le informazioni per cominciare.

Come vendere magliette online in 6 step

Quando si tratta di vendere magliette personalizzate, ci sono alcuni punti fondamentali da considerare attentamente prima di partire con l’attività imprenditoriale per capire come fare soldi e sviluppare la propria strategia.

Come vendere magliette online

Ecco i passaggi per vendere magliette online:

  1. Trovare una nicchia
  2. Scegliere la qualità delle magliette e la tipologia di stampa
  3. Creare il design delle magliette
  4. Fare un modello delle t-shirt
  5. Verificare la validità del design
  6. Trovare la piattaforma per vendere magliette

1. Trovare una nicchia

Si parla sempre dell’importanza delle nicchie di mercato; questo è ancora più vero nel caso dell’industria delle magliette. Una delle cose più importanti è distinguersi dai competitor e uno dei modi migliori per farlo è dedicarsi a un mercato di nicchia specifico.

In generale, categorie come quella delle magliette con slogan divertenti sono troppo ampie e sviluppate per poter penetrare nel mercato. Dovete concentrare i vostri sforzi in maniera più mirata. Ad esempio, una nicchia più precisa potrebbe essere quella delle t-shirt con slogan divertenti dedicati al mondo degli appassionati di sport americano.

In pratica, dovrete creare magliette da vendere per raggiungere un determinato pubblico.

Lavorare di precisione vi servirà per muovervi sul mercato senza mandare in fumo il vostro budget.

Per trovare la vostra nicchia di mercato, seguite una di queste strategie:

  • Visitate i subreddit delle nicchie di mercato che volete puntare per valutare il numero degli iscritti e il livello di coinvolgimento;
  • Utilizzate lo strumento Audience Insights di Facebook per analizzare la dimensione della nicchia sul social network;
  • Scorrete questa lista di hobby su Wikipedia (in inglese) per trovare ispirazione;
  • Seguite i vostri interessi e passioni personali: a volte basta solo seguire l'istinto;
  • Studiate le ultime tendenze con strumenti di ricerca come Google Trends;
  • Scandagliate i social network, in particolare TikTok (se non sapete cos'è TikTok, è giunto il momento di rimediare), per scovare le novità più interessanti prima che diventino "mainstream".

Una volta definita la vostra nicchia, scrivete un business plan per il vostro negozio di t-shirt online che includa i vostri obiettivi e le diverse opportunità per vendere magliette personalizzate, e cercate di eseguire il piano traguardo dopo traguardo.

2. Scegliere la qualità delle magliette e la tipologia di stampa

Se volete vendere magliette online, tenete presente che non tutte le t-shirt sono uguali, così come non lo sono tutte le stampe. Come già menzionato, la qualità è un aspetto fondamentale, quindi è importante che sappiate scegliere con cognizione le magliette personalizzate su cui aggiungerete la grafica e le scritte.

La tentazione di sacrificare la qualità dei materiali per ampliare i margini di profitto sarà sempre costante e presente, ma è importante considerare l’impatto che questa scelta avrebbe sul modo in cui le persone parlano del vostro brand o quando si tratta di fidelizzare i clienti occasionali.

Vendere t-shirt online: scegliere la qualità delle magliette e la tipologia di stampa

Una t-shirt di qualità è composta da diverse caratteristiche: indossabilità, misure, materiale e peso. Per cominciare, controllate online quali sono i produttori di magliette più popolari e apprezzati da cui comprare all'ingrosso.

Una volta che avrete scelto un po’ di fornitori, una buona idea è quella di ordinare ciascuna maglietta voi stessi, per toccarla con mano e prendere una decisione finale su quale fornitore utilizzare.

Stampare magliette di qualità: tipologia di stampa

Al giorno d’oggi, ci sono tre metodi principali utilizzati per stampare magliette. Ogni metodo ha i suoi pro e i suoi contro, e la scelta migliore dipende dal tempo che vorrete dedicare alla creazione del prodotto, oltre che dalle opzioni offerte dall’azienda fornitrice che sceglierete.

Ecco i tre metodi principali per stampare magliette:

Serigrafia

La serigrafia è una tecnica antica, che resiste nel tempo. Si tratta di una delle tecniche più popolari per stampare magliette e porta risultati che sono soliti durare nel tempo. Tuttavia, dato il settaggio e i macchinari necessari per eseguirla, la stampa serigrafica è più conveniente per la produzione su larga scala. La serigrafia, inoltre, diventa più difficile da eseguire nel caso di design complessi o di una grafica che preveda più di 4 o 5 colori. Ogni colore supplementare, infatti, implica un aumento dei costi e dei tempi di produzione.

Pro

  • Conveniente per creazione su larga scala;
  • Sconti per le grandi quantità;

Contro

  • Non conveniente in caso di colori multipli;
  • Stampa solo immagini e design semplici;
Serigrafia per vendere magliette online
Foto: Printful

Stampa a caldo

Anche la stampa a caldo esiste da tempo e in forme diverse. Avrete già visto la carta transfer per la stampa a caldo in qualche copisteria.

Anche se la carta transfer è perfetta per stampare l’immagine al computer e poi trasferirla sulla maglietta con il ferro da stiro, non potrete farlo per le magliette di un negozio online. L’opzione più avanzata di stampa a caldo è quella del plastisol, che permette di stampare con stampanti professionali su carta transfer speciale e di alta qualità. Utilizzando la stampa a caldo potete ordinare un quantitativo di stampe da una copisteria di fiducia e trasferirle sulla maglietta voi stessi, con una stampante professionale, ogni volta che ricevete un ordine.

La stampa a caldo permette di ottenere immagini a colori pieni, in maniera relativamente semplice e veloce.

Pro

  • Potete stampare ogni t-shirt quando richiesta;
  • Soluzione più economica per piccoli ordinativi;
  • Nessun limite di colori;

Contro

  • Qualità minore rispetto alla serigrafia e alla stampa digitale diretta;
  • Consistente investimento iniziale per l’acquisto di una stampante a caldo (dalle centinaia alle migliaia di euro);
  • Il fai-da-te richiede un impiego ingente del vostro tempo personale;
Stampa a caldo per vendere magliette online

Stampa digitale diretta (DTG)

La stampa digitale diretta (DGT, direct-to-garment in inglese) si basa su un processo molto simile a quello di una semplice stampante a inchiostro. La stampa digitale diretta applica l’inchiostro direttamente sulla t-shirt e può produrre immagini estremamente accurate e a colori pieni.

La qualità della stampa è pari a quella della serigrafia ed è migliore di quella a caldo. Non ci sono costi di settaggio, dal momento che funziona come una semplice stampante a inchiostro. Diventa quindi facile ed economico stampare piccoli quantitativi di magliette.

Il più grande svantaggio della stampa digitale diretta è la scarsa possibilità di accedere a uno sconto per gli ordini di grandi dimensioni, poiché è necessaria sempre la stessa quantità di tempo per stampare ciascuna maglietta.

Pro

  • Colori illimitati;
  • Stampa precisa e dettagliata;
  • Ottimale per piccoli ordini o ordini unici;
  • Nessun costo di montaggio e installazione;

Contro

  • Non conveniente per produzioni su larga scala;
  • Solitamente non permette sconti per ordini su larga scala;

Stampa digitale diretta vendere magliette online

3. Creare il design delle magliette

Individuate i tipi di design più amati

Se non riuscite a decidere quale design o idee per magliette scegliere, un’ottima soluzione è controllare cosa stia vendendo di più al momento.

Ecco una lista dei siti e degli ecommerce del settore, dove individuare i trend delle t-shirt più ricercate e popolari:

Un’altra opzione è controllare Google Trends per capire a cosa siano interessate oggi le persone, oltre a tenere d'occhio i social network per scovare le ultime tendenze e meme del momento.

Assumete un designer

Una volta che l’idea del design è pronta, è il momento di passare all’azione. Se siete pratici di Adobe Photoshop o programmi per modificare foto, potete provare a creare il design da soli. Ma, più probabilmente, è bene che voi vi rivolgiate a un professionista.

Ci sono molti strumenti e marketplace online per trovare un graphic designer che faccia al caso vostro.

Community di design

Dribbble - Dribbble è una grande community di designer, con tanti professionisti di talento. Individuate lo stile che ti piace e scrivete direttamente a un designer, domandandogli se vuole lavorare al vostro progetto come freelance.

Dribbble

Behance - Behance è un’altra community di designer che può aiutarvi a trovare l'esperto giusto per creare le vostre magliette.

Behance

Piattaforme di freelance

Un altro modo per trovare un vero esperto è utilizzate piattaforme di intermediazione tra imprenditori e freelance, come FreelancerUpwork e PeoplePerHour.

Comprate il design

Se non riuscite o non volete trovare un designer, c’è anche la possibilità di acquistare un design già pronto. Se decidete di muovervi in questa direzione, però, dovete tener presente la possibilità che lo stesso design venga utilizzato anche da qualcun altro, il che ti renderebbe più difficile farvi notare.

Ecco due marketplace di design per t-shirt:

Potete anche affidarvi a marketplace di design ad ampio raggio, non limitati quindi alle magliette. Tuttavia, ricordatevi che se vorrete inserire un motivo grafico sulle t-shirt, dovrete procurarvi una licenza commerciale per l’uso delle immagini.

4. Fare un modello delle t-shirt

Una volta ottenuta qualche idea grafica, è il momento di provare a trasferirla su alcune magliette vere e proprie. I vostri clienti, infatti, vorranno vedere come l’immagine e il motivo grafico appaiono sulle t-shirt.

Ci sono vari modi per visualizzare il vostro design sulle magliette. Potete ordinare dei campioni e fotografarli personalmente, oppure, grazie ai tanti template per t-shirt disponibili online, potete creare dei campioni al 100% digitali, come questo:

Anteprima di maglietta (mockup)

I template per t-shirt di Adobe Photoshop sono tra i file di bozza più comuni. Permettono di vedere molto velocemente come un certo design risulterebbe su una maglietta. La maggior parte dei template vi permette di cambiare il colore della maglietta, oltre a visualizzare il design su una simulazione delle pieghe, delle ondulazioni e dei bordi della t-shirt, per creare un modello reale con cui testare le idee di disegni per magliette.

Ecco diverse risorse utili a creare il file bozza delle magliette:

Se non volete utilizzare Adobe Photoshop, ci sono anche dei siti online per la creazione del file di bozza. Potrete avere risultati simili, senza dover scaricare Photoshop.

5. Verificare la validità del design

Prima che spendiate un sacco di soldi per la vostra nuova idea, dovete assicurarvi che esista un mercato e abbastanza interesse per i tipi di design che volete proporre: in pratica, dovete valutare il potenziale di mercato.

Alcuni dei metodi più usati per verificare la validità di un’idea sono:

Profili social personali - Postate alcuni dei design su Facebook, Instagram e altri social media dove potete comunicare con i vostri amici e con dei potenziali clienti. State però attenti con il feedback degli amici: spesso le loro opinioni sono troppo positive.

Reddit - Reddit è enorme. Con un gran numero di subreddits, è possibile trovare una nicchia molto targetizzata di potenziali clienti e domandare loro un feedback in merito alle vostre idee di design per le t-shirt.

Kickstarter - Kickstarter e altri siti di crowdfunding hanno reso più facile testare e raccogliere soldi per un’idea di business. Lanciare una campagna di crowdfunding richiede preparazione e attenzione, ma i benefici possono essere molto grandi, inclusa la possibilità di venire completamente finanziati per il proprio progetto, senza spendere un euro.

Dropshipping - Con il dropshipping potrete verificare senza spendere molto se la vostra idea di vendere magliette online funziona.

6. Trovare la piattaforma per vendere magliette

Arrivati a questo punto della nostra guida su come vendere magliette online, è giunto il momento di passare alla scelta della piattaforma dove vendere t-shirt: a seconda delle vostre esigenze, potete aprire un negozio indipendente o vendere sui marketplace.

Nel primo caso, grazie a piattaforme ecommerce come Shopify, è diventato facilissimo creare un negozio online perfettamente funzionante; nel secondo caso, invece, si tratta di scegliere il marketplace più adatto alla tipologia di prodotto da vendere e cliente tipo.

Prima di passare alla scelta della migliore piattaforma dove vendere t-shirt, riassumiamo cosa fare per vendere magliette online:

  1. Trovare una nicchia
  2. Scegliere la qualità delle magliette e la tipologia di stampa
  3. Creare il design delle magliette
  4. Fare un modello delle t-shirt
  5. Verificare la validità del design
  6. Trovare la piattaforma per vendere magliette

Dove vendere magliette online: migliori piattaforme

Ora che avete il design della vostra t-shirt, creato i file di bozza e verificato la validità della vostra idea, è il momento di distribuire il vostro prodotto: ecco quali sono i migliori siti dove vendere magliette online:

Shopify

Shopify

Creare un sito ecommerce con Shopify è il modo migliore per vendere magliette online in modo indipendente. La piattaforma offre tutte le funzionalità necessarie per vendere t-shirt online, oltre alle possibilità di integrazione con servizi di print on demand che vi permettono di vendere magliette personalizzate senza stamparle in prima persona (e quindi senza necessità di avere un magazzino).

Ci sono decine di dropshipper per t-shirt on demand che possono essere direttamente integrati con i negozi di Shopify. In questo modo, potrete iniziare a lavorare in pochissimo tempo. Ogni volta che riceverete un ordine, i dropshipper che offrono il servizio di stampa stamperanno le vostre magliette, automaticamente.

Ecco i dropshipper che offrono il servizio di stampa tramite le app di Shopify:

Sull’App Store di Shopify potete trovare ancora altri dropshipper con servizio print on demand che vi rendono semplicissimo vendere magliette online con un ecommerce indipendente.

Creare un negozio su Shopify è soprattutto un modo ottimale per testare la validità della vostra idea di business. Registratevi per 14 giorni di prova gratuita e scoprite alcuni temi gratuiti Shopify per iniziare.



Facebook

Facebook Shop

Per vendere t-shirt su Facebook, la soluzione migliore è creare un Facebook Shop, un negozio online integrato e facile da gestire con cui vendere magliette su Facebook.

Come iniziare a vendere magliette su Facebook? La procedura è semplice:

  1. Create e importate il vostro catalogo magliette (se avete un negozio Shopify, potete fare tutto in un attimo grazie all'integrazione per vendere su Facebook e Instagram).
  2. Seguite la procedura guidata del Gestore delle vendite per configurare il negozio.
  3. Create le raccolte di magliette da vendere.
  4. Iniziate a vendere!

Instagram

Instagram

Vendere su Instagram è un ottimo modo per raggiungere le milioni di persone che utilizzano quotidianamente questa piattaforma.

Per vendere magliette su Instagram, vi servirà comunque un Facebook Shop da cui importare il catalogo prodotti; una volta creato, la procedura per iniziare a vendere è piuttosto semplice:

  1. Create un profilo Instagram aziendale;
  2. Collegate Instagram a Facebook;
  3. Richiedete l’abilitazione per Instagram Shopping;
  4. Taggate i prodotti su Instagram e iniziate a vendere.

TikTok

TikTok Shopping

Ci sono pochi dubbi sul fatto che TikTok sia il social del momento: secondo le ultime statistiche TikTok, l'app ha stabilmente superato la soglia di 1 miliardo di utenti attivi a livello globale.

Anche per quanto riguarda la vendita di t-shirt, il modo più semplice per vendere su TikTok è creare un negozio Shopify e collegare le due piattaforme installando l'app TikTok per Shopify: in questo modo, le persone potranno vedere le vostre magliette navigando su TikTok e finalizzare l'acquisto sul vostro negozio.

Etsy

Etsy

Etsy è il principale marketplace di articoli fatti a mano: vendere magliette su Etsy è un'ottima idea a patto di essere creativi. Su Etsy si vendono soprattutto magliette con scritte o grafiche ricamate oppure con design particolarmente originali.

Quanto costa vendere magliette su Etsy? Vendere su questa piattaforma ha un costo di 0,18 euro per l’inserimento dell’inserzione e una commissione del 5% sul prezzo finale di vendita.

Amazon

Amazon

Vendere su Amazon vi permette di mostrare le vostre magliette a milioni di potenziali clienti. Lo svantaggio principale è l'alta concorrenza di venditori già presenti sulla piattaforma.

In ogni caso, vendere magliette su Amazon potrebbe essere un'ottima idea se vendete t-shirt con design generici o molto popolari (prestando attenzione a non infrangere il diritto d'autore sulle grafiche). Per vendere t-shirt su Amazon, è previsto un costo per inserzione di 0,99 euro con il piano individuale o costo mensile di 39 euro per il piano professionale senza costi per la singola inserzione; a queste voci di spesa, vanno aggiunte le commissioni di segnalazione del 15,45% sul prezzo finale di vendita ed eventuali costi extra se decidete di vendere con la Logistica di Amazon (Amazon FBA). 

eBay

eBay

Come per Amazon, vendere magliette su eBay offre gli stessi vantaggi e svantaggi: da una parte, facilità di accesso a un pubblico di milioni potenziali clienti, dall'altro l'alta concorrenza dei venditori già presenti sulla piattaforma.

Quanto costa vendere t-shirt su eBay? Oltre al costo mensile per il negozio a partire da 19,50 euro, è prevista una commissione di vendita dell'11% sul prezzo di vendita dell'articolo.

Per ricapitolare, ecco i migliori siti dove vendere magliette online:

  1. Shopify
  2. Facebook
  3. Instagram
  4. TikTok
  5. Etsy
  6. Amazon
  7. eBay

Adempimenti legali per vendere magliette online

Volete iniziare a vendere magliette online ma è la prima volta che aprite un negozio di ecommerce? Allora date un’occhiata alla nostra sezione adempimenti e obblighi per vendere online.

In ogni caso, ecco alcune informazioni utili da sapere per vendere t-shirt in regola.

Serve la Partita IVA per vendere magliette online?

Sì, aprire la Partita IVA è un requisito indispensabile per vendere magliette online in modo professionale. La vendita di t-shirt, infatti, è considerata un'attività economica abituale e con carattere continuativo; per questo motivo, richiede la Partita IVA.

Cosa devo fare per vendere magliette online in regola?

Oltre ad aprire le Partiva IVA, i principali adempimenti per vendere magliette online sono la richiesta di iscrizione alla Camera di Commercio e la presentazione della SCIA in Comune.

Vendo magliette online ma il mio fatturato non supera i 5.000 euro. Devo comunque aprire la Partita IVA?

Sì, serve la Partita IVA. La soglia di 5.000 è la cifra oltre la quale diventa obbligatorio versare i contributi all'INPS.

Vendo magliette online con il print-on-demand. Serve la Partita IVA?

Sì, l'attività di print-on-demand è considerata un'attività economica con carattere abituale e continuativo; per questo motivo, richiede l'apertura della Partita IVA.

Vendere magliette online: conclusioni

Siamo arrivati alla conclusioni di questa guida su come vendere magliette online: ora avete tutte le informazioni e gli strumenti per cominciare. Cosa aspettate? Creare il vostro negozio online di t-shirt non è mai stato così facile!



Argomenti: