Ricerca delle parole chiave: guida SEO di base per ecommerce

Ricerca parole chiave SEO

Siete alla vostra prima esperienza di ecommerce e marketing online? Probabilmente avete sentito parlare di “SEO” (acronimo di Search Engine Optimization) e di ottimizzazione sui motori di ricerca. Quel che vi occorre è una Guida SEO per un’efficace ricerca delle parole chiave.

Del resto, viviamo in un mondo dove la maggior parte del traffico online deriva dall'inserimento di una stringa di testo nel campo di ricerca; di conseguenza, la SEO può rappresentare un fattore decisivo nel destino della vostra impresa.

La SEO include numerose strategie, ma il principio di fondo è uno solo: agevolare Google e gli altri motori di ricerca nel capire esattamente cosa venda il vostro ecommerce. Questo accresce la vostra visibilità. Rende infatti più probabile che i motori elenchino il vostro sito tra i risultati di ricerca, quando dei potenziali clienti cercano prodotti come i vostri.

Download gratuito: checklist per la SEO

Vuoi apparire più in alto nei risultati di ricerca? Chiedi l'accesso alla nostra checklist per l'ottimizzazione sui motori di ricerca.

 

Uno dei pilastri della SEO è la ricerca delle parole chiave. Consiste nell’arte di comprendere al meglio la terminologia utilizzata dai vostri potenziali clienti per cercare prodotti come i vostri. Si tratta poi di integrare tale terminologia funzionale al marketing nel vostro sito web.

In questo articolo, tratteremo le basi della ricerca di parole chiave per ecommerce. L'obiettivo finale è quello di costruire una lista di parole chiave rilevanti, che potrete utilizzare ripetutamente nel:

  • Costruire e ottimizzare il vostro sito
  • Scrivere le descrizioni dei prodotti
  • Creare gli articoli del vostro blog.

Progressivamente, aiuterete i motori di ricerca a capire sempre meglio di cosa si occupa il vostro sito, che verrà mostrato in risposta a ricerche rilevanti; il tutto condurrà all’aumento del traffico e delle vendite.

Perché la ricerca delle parole chiave è importante

Ogni volta che qualcuno effettua una ricerca, i motori devono decidere quali risultati mostrare; possono selezionarne solo pochi, anche se le possibili pagine tra cui scegliere sono centinaia di migliaia. Sta all'algoritmo del motore di ricerca determinare i risultati migliori e più rilevanti in rapporto ad ogni singola ricerca.

Per questo è così importante un’accurata ricerca delle parole chiave; così, i motori potranno selezionare e mostrare il vostro sito sulle pagine dei risultati di ricerca (SERP) quando gli utenti effettuano ricerche pertinenti.

È importante posizionarsi sulla prima pagina dei risultati di ricerca con termini rilevanti. Ma è altrettanto importante posizionarsi in cima alla prima pagina. Per capire quale differenza comporti la posizione nelle SERP, considerate il grafico qui sotto; indica il posizionamento nei risultati di ricerca e la corrispondente quota di traffico medio:

Ricerca delle parole chiave posizionamento Google traffico

Fonte immagine: Chitika

Dal grafico, apprendiamo che:

  • La prima pagina dei risultati di ricerca riceve oltre il 90% di tutto il traffico
  • e i tre risultati in cima alla prima pagina ricevono oltre il 60% del traffico.
  • Per di più, il passaggio dalla decima posizione (prima pagina) all’undicesima (seconda pagina) comporta un decremento del traffico superiore al 100%.

In sintesi, più vicino siete alle prime posizioni di Google con parole chiave rilevanti, più traffico e potenziali vendite ottenete. Una differenza di poche posizioni - sulla base di keyword e volume delle ricerche mensili corrispondenti -, a lungo termine può comportare una perdita economica consistente.

Capire le parole chiave

Prima di passare alla ricerca delle parole chiave per il vostro negozio online, esaminiamo alcuni termini fondamentali in tema di SEO. È importante che sappiate a cosa si riferiscono.

Tra i termini fondamentali abbiamo senz’altro questi:

Keyword:

Nel contesto dell'ottimizzazione sui motori di ricerca, è una particolare parola o frase chiave che descrive il contenuto di una pagina web o di un sito. Le keyword riassumono il contenuto della pagina o del sito; fanno parte dei metadati della pagina web, aiutando i motori di ricerca ad abbinare quella pagina ad un'appropriata query di ricerca.

Longtail keyword:

Le longtail keyword sono semplicemente delle keyword che contengono tre o più parole. Sono importanti perché costituiscono oltre il 70% delle ricerche online secondo SEOMoz; e inoltre tendono a produrre più conversioni, perché intercettano l’utente in una fase piuttosto avanzata del ciclo di acquisto. Un utente che cerca “extension per capelli” è probabile che si trovi ancora nella fase iniziale del ciclo di acquisto (raccolta informazioni); invece, chi cerca “extension per capelli castani 50 cm prezzo” è più probabile che sia prossimo all'acquisto.

Volume di ricerca (ricerche medie mensili):

Solitamente misurato in “ricerche medie mensili”, è il numero totale di ricerche che avvengono ogni mese per una data keyword. Idealmente, cerchiamo di identificare le parole con il più alto volume di ricerca. Posizionarsi in cima alle SERP per termini che hanno un volume di ricerca consistente significa acquisire potenzialmente più traffico e conversioni per il vostro negozio.

Purtroppo non esiste un numero magico che rappresenti il volume di ricerca perfetto. Invece, il volume di ricerca ideale può variare caso per caso, in base al sito.

Concorrenza:

Il volume di ricerca non è la sola variabile da considerare. La concorrenza è un fattore ugualmente importante, se non di più. Non c'è utilità nel cercare di posizionarsi nelle SERP con keyword troppo competitive.

La concorrenza si riferisce alla difficoltà di posizionamento per ogni singola parola chiave.

Idealmente, le parole chiave prescelte dovrebbero avere sia un alto volume di ricerca che una bassa concorrenza. Tuttavia gemme così preziose sono difficili da trovare: per individuarle è necessario cercare con pazienza, e avere anche un po’ di fortuna.

Ricordate che il livello di concorrenza indicata dal Keyword Planner di Google fa riferimento agli annunci a pagamento, e non ai risultati di ricerca organici. Comunque, il livello di concorrenza per gli annunci a pagamento è spesso simile a quello presente per la ricerca organica.

Brainstorming per creare una lista iniziale

Ora che comprendete perché la ricerca delle parole chiave sia importante e conoscete la terminologia di base, è tempo di iniziare. Occorre fare un brainstorming per pervenire a una lista iniziale di termini di ricerca; bisogna individuare quei termini che presumibilmente i vostri clienti digitano per trovare prodotti come i vostri.

Prendete carta e penna e buttate giù una lista di termini che voi usereste. Come minimo, ogni keyword deve essere composta da due parole. Ma pensate anche a delle longtail keyword che includano fino a quattro o cinque parole, o anche di più.

Più parole vi vengono in mente all'inizio, più spunti avrete su cui lavorare per sviluppare la vostra strategia SEO. Quindi, non limitatevi a poche keyword. Cercate invece di pervenire ad una lista quanto più completa possibile.

Magari potete coinvolgere parenti e amici. Ma evitate di chiedere loro direttamente cosa cercherebbero al posto degli utenti. Piuttosto, metteteli davanti al computer e chiedete loro di cercare il vostro prodotto digitando i termini che meglio credono. Quindi, monitorate cosa cercano e i link che cliccano. Questo può fornirvi una visuale realistica delle ricerche effettuate dall'utente medio.

Strumenti per espandere la vostra lista

Dopo aver compiuto il brainstorming iniziale, potete considerare di utilizzare alcuni SEO Tool che vi aiutino ad ampliare la lista. Uno dei più semplici è proprio la funzione dei suggerimenti di Google. Per vederli, basta fare una ricerca su Google e scorrere in fondo alla pagina: troverete i suggerimenti correlati alla vostra ricerca.

Ricerca delle parole chiave guida SEO suggerimenti Google

Un valido strumento di aiuto per il brainstorming è Übersuggest. Questo strumento, analizza i suggerimenti Google, prendendo la keyword da voi indicata e cercandola su Google in abbinamento ad ogni lettera dell’alfabeto: individua così le varianti più ricercate.

brainstorming Übersuggest ricerca delle parole chiave guida SEO

Non scordate di considerare anche le combinazioni della keyword con parole frequentemente presenti nelle ricerche (“Come”, “Dove”, ecc.). Ad esempio, un utente anziché cercare “extension per capelli” potrebbe digitare “come avere capelli più lunghi”.

Ricerca delle parole chiave usando Google Adwords Keyword Planner

Ora che avete davanti la vostra lista iniziale di keyword, potete usarla per la ricerca delle parole chiave mediante strumenti online.

Esistono molti strumenti, sia a pagamento che gratuiti, che potete usare per condurre la vostra ricerca. Ma uno dei tool più popolari per la ricerca delle parole chiave è Keyword Planner di Google. Esso permette di stabilire per ciascuna keyword:

  • Quante ricerche mensili vengono fatte (viene indicato un range)
  • Se la concorrenza è alta, media o bassa
  • Se esistono termini di ricerca correlati.

È importante individuare i termini di ricerca correlati: si tratta di keyword simili, che possono presentare un numero di ricerche più alto, meno concorrenza, oppure una combinazione di entrambi questi vantaggi.

Come usare lo Strumento di pianificazione delle parole chiave

Per usare il Keyword Planner di Google è necessario disporre di un account Google AdWords. Se non lo avete, potete crearlo gratuitamente in pochi minuti.

Una volta configurato il vostro account Google Adwords, fate login e selezionate Strumenti nel menu in alto; poi scegliete Strumento di pianificazione delle parole chiave.

Sulla schermata successiva, cliccate Cerca nuove parole chiave utilizzando una frase, un sito web o una categoria.

Ricerca delle parole chiave Google Adwords Keyword Planner guida SEO

Qui, inserite le keyword che avete individuato nel passaggio precedente, o tutte in una volta, oppure poche per volta, separate da una virgola. All’inizio, raccomandiamo di procedere alla ricerca delle parole chiave singolarmente, in modo da semplificare il procedimento.

Controllate attentamente le impostazioni nella sezione Targeting, per assicurarvi di visualizzare le informazioni di ricerca rilevanti per voi. Ad esempio, se la vostra impresa opera in Italia, inserite “Italia” come località target nel campo “Tutte le località”.

Alla voce Personalizza la ricerca e Opzioni per le parole chiave dovreste attivare l’opzione Mostra solo idee strettamente correlate ai miei termini di ricerca. (Per trovare questa opzione, occorre cliccare su Mostra idee non strettamente correlate). Così, visualizzerete le parole chiave più rilevanti; comunque, se vedete che le keyword sono troppo strettamente correlate e volete espandere la ricerca, provate a deselezionare questa opzione.

Ricerca delle parole chiave Google Adwords Keyword Planner impostazioni

Come individuare e filtrare le idee per le parole chiave

Sulla successiva schermata, se visualizzate di default il pannello Idee per i gruppi di annunci, selezionate Idee per le parole chiave.

Ricerca delle parole chiave Google Adwords Keyword Planner Idee

La prima colonna mostrerà la keyword originaria che avete ricercato e, in più, le keyword strettamente correlate. Nella seconda colonna potrete visualizzare il numero di ricerche mensili nell'area geografica selezionata (range). Nella terza colonna, troverete indicato il livello di concorrenza per ogni parola chiave.

Si tratta delle informazioni necessarie per iniziare a fare una selezione e costruire la vostra lista di parole chiave. Potete usare i Filtri per le parole chiave sul lato sinistro dello schermo per scegliere di visualizzare solo le parole chiave con una competizione bassa o media, escludendo quelle per cui probabilmente sarebbe troppo difficile competere.

Ricerca delle parole chiave Google Adwords Keyword Planner filtri concorrenza

Al termine di questa operazione, avrete una lista di parole chiave correlate alla vostra ricerca iniziale e con un livello di concorrenza basso o medio. Eccone un esempio nella figura qui sotto, dove sono evidenziate in giallo le query con concorrenza media e in verde quelle con concorrenza bassa.

Ricerca delle parole chiave SEO foglio di lavoro

Una volta ottenuta una lista simile a questa, selezionate i termini che meglio descrivono il vostro sito, le vostre pagine, il prodotto che offrite. Per ciascuna keyword, considerate volume di ricerca e concorrenza; possibilmente annotate questi dati in un foglio di lavoro. (Google Adwords consente anche di scaricare i dati in excel, cliccando sul bottone Scarica). Poi ripetete questa operazione per ciascuna delle parole chiave inizialmente prescelte.

Rifinire la lista e controllarla attentamente

Ora che avete completato la ricerca delle parole chiave, è tempo di rifinire e verificare il vostro lavoro. Magari, rispetto alla lista iniziale, avete escluso alcune keyword e ne avete inserite altre, con concorrenza bassa, oppure con un alto volume di ricerca. Tuttavia, alcune di esse potrebbero non rispecchiare fedelmente il vostro negozio e la vostra offerta. In questa fase, dovrete esaminare ciascuna delle vostre keyword, e per ciascuna procedere come segue.

  1. Chiedetevi se la keyword è rilevante. Se un utente dovesse ricercare quel termine e finire sulla pagina corrispondente del vostro sito, troverebbe esattamente quel che cerca?
  2. Cercate le keyword su Google e Bing. Avete già verificato il livello di concorrenza su Google Keyword Planner; qui però, come si è detto, viene indicato il livello di concorrenza negli annunci a pagamento; e questo dato non sempre combacia con quelli relativi alla ricerca organica. Esaminare i siti già posizionati in cima alle SERP con le keyword da voi prescelte vi fornirà molte preziose informazioni sulla concorrenza. E vi darà anche un’idea più precisa sulla difficoltà di posizionamento; infatti se, per i termini dati, i risultati in cima alle SERP sono di brand affermati e popolari, sarà più difficile raggiungere il risultato sperato.

Con tutte le informazioni raccolte, ora potete davvero buttare giù la lista definitiva. Per iniziare, focalizzatevi su un piccolo gruppo di keyword (5-7). Ma è una buona idea ampliare leggermente la lista (15-20) per mantenere aperte più opzioni e lavorare in una prospettiva di lungo periodo.

Conclusione

Sarete lieti di sapere che, completata la vostra ricerca delle parole chiave e introdotte gradualmente le keyword prescelte nel vostro sito, Google dovrebbe comprendere meglio la vostra attività e mostrarla più spesso tra i risultati di ricerca.

Tuttavia, tenete a mente che la SEO e la ricerca delle parole chiave costituiscono un processo continuo. Servono tempo e pazienza per individuare e implementare le keyword; e serve altro tempo affinché Google recepisca le vostre modifiche.

Cosa ancor più importante, nell'arco del tempo, si evolvono sia gli algoritmi dei motori di ricerca (e quindi le SEO best practice) sia le modalità con cui i clienti cercano i vostri prodotti. Quindi assicuratevi di ripetere periodicamente la vostra ricerca delle parole chiave, assicurandovi di mantenere la lista sempre aggiornata.

Bonus: Per degli approfondimenti, consultate anche i nostri articoli su SEO per ecommerce e SEO locale per piccole imprese.


Articolo originale di Richard Lazazzera, tradotto da Maria Teresa Cantafora.

Argomenti:
SEO