Influencer Marketing: cos'è, vantaggi e come sviluppare una strategia efficace

influencer marketing

L'influencer marketing è una delle strategie più efficaci per potenziare la presenza del tuo brand sui social media: ti consente di ampliare il tuo pubblico, innescare il passaparola e collaborare con i cosiddetti content creator che possono aiutarti ad aumentare le vendite tramite contenuti originali di alta qualità.

Ma come funziona? Leggi questa guida completa per scoprire cos'è l'influencer marketing, quali sono i suoi vantaggi, e come sviluppare una strategia pratica per sfruttare tutte le sue potenzialità. 

Indice 


  1. Cos'è l'influencer marketing? Significato e definizione
  2. Influencer: chi sono?
  3. Come sviluppare una strategia di influencer marketing
  4. Le migliori piattaforme di influencer marketing
  5. Quali sono i vantaggi dell'influencer marketing?
  6. Esempi di influencer marketing
  7. Influencer marketing Italia: la normativa

Influencer marketing: cos'è? Definizione

L'influencer marketing è un insieme di attività e strategie basate sulla collaborazione tra un brand e un testimonial (l’influencer): quest'ultimo, in cambio di un compenso monetario, prodotti omaggio o altre forme di retribuzione, offre visibilità sui social network all'azienda e ai suoi prodotti o servizi.

L’influencer marketing sfrutta la capacità di influenzare le masse di un testimonial per aumentare la visibilità e il prestigio di un brand. 

È l’evoluzione digitale del referral marketing, il vecchio passaparola: nel corso degli ultimi anni, infatti, le persone tendono a fidarsi sempre meno della pubblicità tradizionale, preferendo le testimonianze e i consigli di amici, familiari o personalità ritenute esperte, influenti e imparziali. 

Gli influencer, generalmente, si concentrano su un determinato mercato di nicchia e lavorano tramite la pubblicazione di contenuti foto, video, recensioni, articoli, post, ecc. sui social network. Infatti oggi si parla anche di influencer social marketing. 

Attualmente, il 67% dei brand preferisce l’influencer marketing di Instagram. I social network di influencer marketing più popolari sono:

  • Instagram
  • YouTube
  • TikTok
  • Facebook
  • Blog o siti web
  • Twitter
  • Twitch
  • Snapchat

Secondo uno studio di Marketing Hub, il numero di aziende che sfrutta l’influencer marketing è cresciuto del 26% nel 2021. Inoltre, secondo report di quest’anno, l'industria dell'influencer marketing è destinata a crescere fino a 16,4 miliardi di dollari nel 2022 .

I brand collaborano attivamente con gli influencer per creare contenuti che promuovono i loro prodotti o servizi in modo autentico: al contrario dei classici banner pubblicitari o delle campagne di marketing tradizionali, le persone tendono a percepire le raccomandazioni degli influencer come imparziali e sincere perché si fidano dei loro consigli.

Chi sono gli influencer? Significato

influencer chi sono?

L’influencer è una persona ritenuta esperta di una specifica nicchia di mercato e ha un discreto numero di seguaci (i follower) sui social network, grazie ai quali può influenzare le scelte degli utenti.

Uno degli aspetti più straordinari dell'influencer marketing è la miscela incredibile di persone che possono essere coinvolte dalle aziende con questa strategia. Queste coprono ogni area d'interesse e provengono da ogni Paese del mondo: dai personal trainer che condividono i loro allenamenti alle fashion blogger che esibiscono il loro outfit, dai designer che mostrano il loro portfolio online ai fotografi di viaggio o gli chef che pubblicano le loro ricette. 

Anche se alcuni di questi personaggi hanno un numero di seguaci superiore a quello delle celebrità, sono visti in modo diverso rispetto ad esse. Sembrano spesso più vicini al pubblico. Se decidono di collaborare con un marchio, il loro parere è considerato dai follower non solo autentico, ma anche più autorevole.

Per capire meglio chi sono e qual è il valore degli influencer, è possibile suddividerli in cinque macrocategorie: 

  • nano; 
  • micro; 
  • mid; 
  • macro;
  • mega o celebrità.

Vediamole nel dettaglio per ciascuna categoria, insieme al tasso di engagement influencer medio, ovvero il rapporto tra il numero di interazioni e quello degli utenti che hanno visualizzato un contenuto:

  • Nano-influencer: i nano-influencer hanno tra i 1.000 e i 5.000 follower. Sono persone comuni che hanno saputo costruirsi un discreto seguito di utenti leali e fortemente coinvolti. Fare l'influencer non è il loro lavoro principale. Secondo Hype Auditor, hanno un tasso di engagement medio del 5%, superiore a ogni altra categoria.
  • Micro-influencer: i micro-influencer hanno tra i 5.000 e i 20.000 follower. Interagiscono attivamente con i loro seguaci e sono ritenuti esperti affidabili e imparziali della nicchia di mercato in cui operano. Hanno un tasso di engagement medio del 1,7%.
  • Mid-influencer: i mid-influencer hanno tra i 20.000 e i 100.000 follower. Il loro pubblico, pur essendo vasto, è fidelizzato e ben definito in termini di gusti e interessi. Hanno un tasso di engagement medio del 1,4%.
  • Macro-influencer: i macro-influencer hanno tra i 100.000 e 1 milione di follower. Sono persone affermate che collaborano attivamente con brand che cercano influencer per la promozione di prodotti. Hanno un tasso di engagement medio del 1,3%. 
  • Mega-influencer e/o celebrità: in questa categoria rientrano tutti gli influencer che hanno oltre 1 milione di follower. Si tratta di personaggi famosi e celebrità, generalmente arruolabili da brand e aziende con un budget importante da dedicare all'influencer marketing.

Ecco un grafico che riassume i tassi di engagement influencer suddivisi per categoria:

influencer marketing engagement metrics
Fonte: HypeAuditor

Come sviluppare una strategia di influencer marketing

strategia influencer marketing

Trovare un influencer e concordare una collaborazione può essere un obiettivo difficile da raggiungere e che richiede molto tempo. Vuoi ottenere buoni risultati? Segui questa scaletta per sviluppare la tua strategia di influencer marketing.

  1. Fai le tue ricerche>
  2. Imposta un brief chiaro
  3. Scegli degli influencer di rilievo
  4. Concorda una formula di collaborazione
  5. Massimizza il valore dei contenuti

1. Fai le tue ricerche

Si può imparare tantissimo dagli altri brand, scoprendo quali sono gli espedienti che funzionano per loro. Per il tuo influencer marketing su Instagram, chiediti cosa pubblicare su Instagram, trai ispirazione dai diversi tipi di contenuti che pubblicano, e guarda da quale genere di contenuti ottengono il massimo coinvolgimento.

Un punto ovvio da cui iniziare la ricerca è dare un’occhiata a ciò che stanno facendo i concorrenti. Puoi cominciare con uno strumento come Hootsuite, che permette di vedere le metriche sul proprio account Instagram paragonandole a quelle di altri account.

Un’altra buona idea è quella di condurre ricerche su altri marchi che, pur non essendo concorrenti, hanno forse un pubblico simile al tuo. Prendiamo come esempio Shore Projects, un brand di orologi minimali, e Herschel, un noto marchio di zaini e accessori lifestyle. Anche se i brand vendono prodotti completamente diversi, il cliente target è molto simile e anche le campagne di influencer marketing potrebbero seguire una linea comune.

Se il marchio ha una storia alle spalle, fai ricerche anche su quella. In questo caso, le origini e la cultura di Shore Projects sono prettamente legate al mare britannico, per cui si possono tenere d’occhio vari account focalizzati su elementi marini e nautici.

Infine, un buon punto di riferimento è il blog Instagram Business. Qui vengono regolarmente postati case study ed annunciate nuove funzionalità e strumenti. È un'ottima risorsa per leggere contenuti specifici su come gestire l’instagram marketing e ottenere il massimo da Instagram per il proprio brand.

2. Imposta un brief chiaro

La tua campagna avrà più successo se riconosci agli influencer la libertà creativa di produrre contenuti amati dal loro pubblico. È altrettanto importante fornire loro un brief con gli obiettivi che desideri raggiungere, ma lasciare spazio alla loro creatività è uno dei modi migliori per avere successo su Instagram. Fidati degli influencer e creeranno per te una campagna di influencer marketing autentica e coinvolgente. 

Un documento che potreste allegare al brief è una mood board, ovvero un collage di immagini che definiscono lo stile del progetto, come esemplificato di seguito.

moodboard for influencer marketing outreach

3. Scegli degli influencer giusti per il tuo brand

Una volta che avrai un'idea chiara degli obiettivi da raggiungere, il passo successivo è quello di trovare gli influencer giusti. Si tratta di un passaggio di importanza vitale. Sbagliare può essere costoso, quindi vale la pena di investire un po' più di tempo per prendere la decisione giusta.

Esistono influencer praticamente per ogni mercato. Che si tratti di moda, lifestyle, viaggi, fitness, troverai probabilmente diverse buone opzioni. Uno dei principali metodi è fare ricerche con gli hashtag su Instagram, individuando i post che hanno ottenuto più coinvolgimento (molti like e commenti). 

È possibile anche abbastanza spesso trovare influencer sugli account di altri brand. Individua i post dove viene taggato qualcun altro come creatore del contenuto.

Può essere piuttosto difficile trovare influencer di rilievo senza stare ore su Instagram, a esaminare centinaia di account. Ed è qui che strumenti come Buzzoole entrano in gioco. All'interno di un database, si trovano influencer - ricercabili per argomento, posizione, impegno, tariffe, ecc. - che sono ansiosi di collaborare con marchi importanti.

4. Concorda una formula di collaborazione

Una volta trovati gli influencer con i quali vuoi lavorare, dovrai entrare in contatto con loro, puoi farlo attraverso il blogger outreach e concordare una formula di collaborazione. 

Ci sono in genere sei aspetti chiave sui quali è opportuno negoziare. 

Periodo di tempo - Sii chiaro su scadenze e obiettivi essenziali da raggiungere.

Prodotto - Specifica cosa vuoi che loro producano. Ad esempio: due contenuti, uno da pubblicare sul loro account, con una menzione del vostro marchio, e uno che userai a tua discrezione.

Utilizzo dei contenuti - Far sapere loro quali diritti di utilizzo volete sui contenuti. L'influencer manterrà sempre la proprietà come autore, ma di solito le aziende richiedono il pieno diritto di utilizzo del contenuto per due anni.

Pagamento - Quasi tutti i migliori influencer richiederanno un compenso per i loro servizi. Di tanto in tanto, possono essere disposti a negoziare, o ad accettare gratis prodotti / servizi / esperienza, come parte di tale compenso. Comunque, metti in conto di fare loro qualche pagamento. Quando negozi il prezzo, considera che stai pagando per molteplici servizi: creazione di contenuti, diritti di utilizzo ed accesso al loro pubblico.

Hashtag sponsorizzato - Le regole in materia di contenuti sponsorizzati sono diverse a seconda del Paese e cambiano nel tempo. Se si sbaglia, meglio farlo per eccesso di prudenza. Suggeriamo di usare sempre #adv, #sponsor o #ad. Abbiamo riscontrato che ciò non comporta assolutamente alcuna differenza per le prestazioni o la risposta al post.

Obiettivo della campagna - Tieni sempre a mente qual è l'obiettivo che desideri raggiungere collaborando con un influencer. Potrebbe essere quello di aumentare i follower su Instagram del tuo account o portare più traffico sul sito del tuo negozio online, inserendo un link nella Instagram bio dell'influencer. Definire con chiarezza l'obiettivo ti consentirà di collaborare in modo più efficace e proficuo con l'influencer per raggiungere i risultati desiderati.

5. Massimizza il valore dei contenuti

Ottieni valore aggiunto dai contenuti sponsorizzati di Instagram, riutilizzandoli per altri canali. Ecco tre modi per massimizzare il valore dei contenuti: 

Pubblicazione sulla pagina prodotto

Pubblica il contenuto dell'influencer sulle tue pagine di prodotto. Questo non solo dà un aspetto accattivante alle pagine, ma attesta anche l'approvazione sui social attraverso le sue recensioni.

Pubblicazione come annunci Facebook

Per ottimizzare le inserzioni su Facebook, è importante mantenere gli annunci pubblicitari aggiornati con nuovi contenuti, ad esempio pubblicando foto di prodotti e un lookbook. Ecco cosa afferma Neil Waller di Shore Projects:

Con l'utilizzo dei contenuti degli influencer, siamo ora in grado di aggiornare i nostri annunci pubblicitari con regolarità. Ma oltre a ciò, utilizzare i contenuti degli influencer ha migliorato il nostro tasso di conversione del 19%.

Neil Waller, co-founder of Shore Projects

Pubblicazione sui social media

L'influencer marketing può essere un modo conveniente per il tuo brand di reperire contenuti altamente creativi, sviluppare la promozione del marchio e attingere al pubblico altrui.

Prosegue Neil: "Condividiamo i contenuti creati dagli influencer anche sui nostri account social. Circa l'80% degli elementi creativi che postiamo sugli account social di Shore Projects proviene da influencer e clienti veri".

Avvertenza: Assicurati sempre di avere il permesso per utilizzare le immagini di altre persone.

Le migliori piattaforme di influencer marketing

Per i brand che cercano influencer, trovarli, rimane una delle più grandi sfide delle loro campagne di influencer marketing. Per semplificarti il processo, esistono alcune valide piattaforme da cui attingere:

Grin

grin influencer marketing piattaforma

Grin è una delle migliori piattaforme di influencer marketing per trovare influencer. Il suo database può contare su 37 milioni di influencer attivi su Instagram, TikTok, Snapchat, YouTube, LinkedIn, Twitch e altro ancora.

Grin offre una serie di strumenti di gestione delle partnership per coltivare relazioni autentiche con gli influencer, oltre ad un'ampia gamma di tool per il reporting e l'analisi alla gestione dei contenuti e dei pagamenti. Si integra anche con Shopify per gestire la logistica di spedizione per le vendite effettuate attraverso gli influencer.

Upfluence

Upfluence influencer marketing platform

Upfluence è una piattaforma self-service per trovare influencer utilizzata da brand come Amazon, Verizon, Universal e Zappos. Ti permette di impostare un budget e trovare gli influencer che si adattano ai tuoi criteri con oltre 20 filtri di ricerca avanzati. La piattaforma dà accesso alle prestazioni degli influencer analizzando le dimensioni del pubblico, i tassi di engagement, le abitudini di pubblicazione e altro ancora.

Upfluence ti aiuta anche a identificare clienti e fan influenti. Raccoglie i dati quando gli utenti fanno acquisti sul tuo negozio e analizza i loro dati sociali, quindi li aggiunge come potenziali affiliati per le tue campagne. Grazie a questi pratici strumenti, Upfluence ti permetterà di gestire le attività in modo più efficiente e massimizzare il ROI delle tue campagne di influencer marketing.

Creator.co

Creator.co influencer marketing platform

Creator.co è una nuova piattaforma di influencer marketing con oltre 500 milioni di influencer tra cui scegliere. Consente di trovare influencer in completa autonomia o definire alcuni criteri per effettuare una ricerca filtrata e scegliere i migliori influencer per le tue necessità.

Quali sono i vantaggi dell'influencer marketing?

Secondo un report di Influencer Marketing Hub, le piattaforme focalizzate sull’influencer marketing hanno raccolto più di 800 milioni di dollari di finanziamenti solo nel 2021.

Non c'è dubbio che l'influencer marketing continuerà a crescere, diventando uno dei principali strumenti di marketing per i prossimi anni a venire. Ecco alcuni dei vantaggi dell'influencer marketing.

1. L’influencer marketing stabilisce relazioni più autentiche

L'influencer marketing si basa soprattutto sulla capacità degli influencer di conquistare la fiducia che i follower ripongono nei testimonial: le aziende possono fare leva su questo vantaggio psicologico per presentarsi in modo più autentico e affidabile agli occhi di potenziali clienti.

Naturalmente, per costruire relazioni autentiche, è fondamentale che i valori, il settore di riferimento e il pubblico dell'influencer rispecchino anche quelli dell'azienda o del brand: è impensabile, ad esempio, che un'azienda di prodotti da bagno possa ritenersi credibile collaborando con un influencer attivo nel campo della finanza e degli investimenti.

2. Possibilità di raggiungere più utenti con l’influencer social marketing

Un altro vantaggio dell'influencer marketing è consentire alle aziende di raggiungere subito e facilmente un pubblico molto ampio e variegato. In termini di portata potenziale, considerate i seguenti aspetti:

  • A livello globale, gli utenti attivi sui social media sono cresciuti del 10,5% nell'ultimo anno. TikTok è stata la piattaforma che ha visto un incremento più massiccio dei propri utenti, ed è stata l'app più scaricata al mondo nel 2020. (Dai un’occhiata al nostro articolo per scoprire cos’è TikTok e le sue potenzialità).
  • Come abbiamo visto sopra, il 67% dei brand utilizza Instagram per l'influencer marketing; secondo le previsioni, gli utenti su Instagram saranno 1,3 miliardi entro il 2023.
  • Infine, il 40% dei clienti da computer e il 15% da dispositivo mobile utilizzano app e strumenti per bloccare le pubblicità. E dato che i contenuti sponsorizzati dagli influencer vengono pubblicati come contenuti "organici", l'influencer marketing consente di raggiungere anche questa fetta di pubblico.

Insomma, a seconda degli obiettivi, l'influencer marketing può aiutare a raggiungere più persone o un pubblico più limitato ma molto specifico, e allo stesso tempo consente di aumentare l'engagement del brand sui social network.

3. Social engagement più elevato

Un aumento degli utenti raggiunti non è l'unica misura per determinare il successo di una campagna di influencer marketing. C'è anche un'altra metrica, spesso intangibile ma molto importante: stiamo parlando del social engagement, ovvero l'interazione degli utenti con il brand.

Come abbiamo visto sopra, il tasso di engagement dipende da molti fattori, tra cui numero di follower dell'influencer e canale di influencer marketing scelto: secondo il report di Influencer Marketing Hub, ad esempio, i nano-influencer su TikTok hanno un tasso di engagement che sfiora il 18%!

Vuoi sfruttare tutte le potenzialità di TikTok? Leggi la nostra guida su come fare marketing su TikTok nel 2021.

4. Valore Earned Media più alto

L'ultimo vantaggio dell'influencer marketing consiste nella possibilità di aumentare il proprio valore Earned Media, o Earned Media Value (EMV). L'EMV quantifica il ritorno sull'investimento (ROI) ottenuto dalle attività di marketing, tra cui le campagne di influencer marketing. In soldoni, quanto una determinata campagna ha fruttato in termini economici.

Un EMV più elevato significa tendenzialmente che il tuo brand sta ottenendo più menzioni social e costruendo relazioni più autentiche con gli utenti, il che può aiutarti ad aumentare le vendite in modo considerevole. Coinvolgendo un influencer nelle tue attività di marketing, avrai maggiori possibilità di incrementare l'EMV delle tue campagne. 

Ecco alcuni dati a sostegno di questa tesi:

  • Il 90% degli intervistati da Influencer Marketing Hub nel 2021 afferma di ritenere "efficaci" le campagne di influencer marketing.
  • Un sondaggio Tomoson ha scoperto che le aziende guadagnano mediamente $6,50 per ogni $1 investito in campagne di influencer marketing.
  • Una ricerca condotta dall'International Scientific Conference on Economic and Social Development ha scoperto che l'87% dei partecipanti afferma di seguire i consigli di un influencer quando acquista un prodotto.

Ora che abbiamo visto quali sono i vantaggi, vediamo le strategie che puoi mettere in campo per realizzare un’efficace attività di influencer marketing.

Esempi di influencer marketing

Ecco alcuni negozi Shopify che utilizzano il marketing di influenza con successo per vendere online. Prendete ispirazione da questi esempi di influencer marketing per definire la vostra strategia.

1. Healthish

Healthish è un negozio che vende prodotti sostenibili e collabora attivamente con gli influencer per promuovere i suoi articoli. Per pubblicizzare il lancio di un nuovo prodotto, una borraccia d'acqua all'avanguardia, i co-fondatori Emily Chong e Nathan Chan hanno collaborato con gli influencer tramite l'invio di prodotti gratuiti.

Ci troviamo nella fortunata posizione di vendere un prodotto che ha costi di produzione relativamente bassi,” afferma Nathan. “Quindi possiamo permetterci di inviare prodotti in omaggio agli influencer che sono interessati a lavorare con noi.

healthish influencer marketing example

E dato che le borracce d'acqua sono un prodotto ampiamente diffuso e utilizzato, Healthish invia i suoi prodotti a fitness influencer, fashion blogger, vlogger, e altri ancora.

Agli influencer non viene chiesto nulla in cambio: "Non chiediamo alle persone di farci pubblicità se non vogliono farlo", dice Nathan. "Ci limitiamo a dire: 'Se amate i prodotti, ci piacerebbe che li condividiate con la vostra comunità". Prosegue: "Vogliamo creare un prodotto che la gente sia felice di promuovere perché ha effettivamente cambiato la loro vita".

2. Nominal

Nominal è un brand di gioielleria che unisce moda e cultura per creare accessori che lasciano il segno. Fondato dai partner in affari e nella vita Lena Sarsour e Akram Abdallah, Nominal è diventato un fiorente business a sette cifre grazie alle potenzialità dell'influencer marketing.

"L'influencer marketing è stato fondamentale per noi", spiega Akram. "All'inizio, noi, ovviamente, non avevamo alcun budget. Non potevamo permetterci nessun testimonial". Quindi cosa hanno fatto Akram e Lena? Hanno regalato agli influencer dei gioielli gratuiti. Se gli influencer apprezzavano i prodotti, probabilmente li avrebbero pubblicizzati spontaneamente sui social media. E così è stato.Nominal influencer marketing example

3. Doe Lashes

Il fondatore di ciglia finte Doe Lashes, Jason Wong, è un imprenditore seriale e ha lanciato il suo primo business quando aveva 15 anni. La sua ultima idea è partita con appena 500 dollari ed è cresciuta rapidamente grazie alle potenzialità offerte dall'influencer marketing.

Vendendo un prodotto di bellezza, Jason era consapevole dell'importanza dell'influencer marketing per il suo successo imprenditoriale. Sin dall'inizio si è concentrato sui nano o micro-influencer, proponendo l'invio di prodotti gratuiti senza mai chiedere in cambio una menzione o sponsorizzazione: con il tempo, gli stessi follower dell'influencer hanno iniziato a consigliare i suoi prodotti ad amici e parenti, innescando un'efficace catena basata sul passaparola.

Doe Lashes influencer marketing example



Influencer marketing Italia: la normativa

influencer marketing normativa

In Italia non esiste ancora una normativa specifica che regoli il rapporto tra azienda e influencer, la produzione di contenuti audio e video e la pubblicazione dei post.

Esiste però una normativa che tutela il consumatore e che proibisce le pubblicità ingannevoli. Nei confronti del consumatore, infatti, devono essere applicate tutte le norme del codice del consumo che prevede chiarezza e trasparenza riguardo ai contenuti, al fine di consentire al consumatore di riconoscere che il contenuto cui è esposto è di carattere pubblicitario.

Il codice quindi prevede delle pene amministrative pecuniarie se viene accertata l’omissione di queste informazioni.

L’AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato), si impegna a sostenere l’utilizzo di una comunicazione più trasparente e tutela il consumatore condannando il marketing occulto. Non sono rari i casi in cui l’Autorità ha avviato istruttorie per contrastare queste pratiche.

Influencer marketing sicuro

Per evitare di incorrere in spiacevoli situazioni e strutturare una comunicazione corretta è consigliabile richiedere agli influencer 

  • un’esplicita dichiarazione del loro rapporto con il brand, al fine di evitare che la campagna non sia confusa dal consumatore con una semplice condivisione di momenti di vita quotidiana;
  • l’utilizzo di hashtag #ad #adv per i contenuti promozionali (o direttamente della spunta “branded content” che gli influencer possono aggiungere);
  • l’utilizzo di hashtag #giftedby o #suppliedby per i prodotti e i servizi offerti dal brand;
  • di taggare il brand al fine di consentire al consumatore la completa consapevolezza della natura del messaggio.

Conclusioni

L'influencer marketing è una delle migliori strategie per promuovere la tua attività e aumentare le vendite nel 2022. 

In questo articolo abbiamo visto chi sono e cosa fanno gli influencer, quali sono i vantaggi e le strategie dell’influencer marketing, le piattaforme più utili e alcuni esempi. Infine abbiamo visto brevemente la normativa sull’influencer marketing in Italia.

A questo punto non ti resta altro che iniziare a collaborare con loro per ampliare la portata del tuo pubblico e dare nuovo slancio alla presenza del tuo brand sui social network.



 

Domande frequenti sull'influencer marketing

Cos'è l'influencer marketing?

Per influencer marketing, si intende l'insieme di attività e strategie di marketing che prevedono la collaborazione tra un brand e un influencer, che in cambio di un compenso, prodotto omaggio o altre forme di retribuzione, pubblica contenuti sui social network per promuovere i prodotti o servizi dell'azienda.

Chi sono gli influencer e cosa fanno?

Gli influencer sono persone ritenute esperte di uno specifico argomento (es. viaggi, libri, moda, ecc.) e che hanno un determinato numero di follower sui social network grazie al quale possono orientare le scelte di altri utenti.

Quanto viene pagato un influencer?

Quanto guadagna un influencer? In genere le retribuzioni vanno da 50 a 500 euro a post per i nano influencer, da 250 a 1000 euro a post per i micro influencer, da 500 a 5000 euro a post per i macro influencer, da 1000 a 10.000 euro a post per i mega influencer e da 25.000 euro in su per le celebrità. È importante notare però che non c’è una tariffa fissa.

Quali sono i siti di influencer marketing?

Le principali piattaforme utilizzate per l'influencer marketing sono:

  • Grin
  • Upfluence
  • Creator.co
  • Open Influence
  • Virality
  • Buzzoole Discovery

Come si fa influencer marketing?

  1. Fai le tue ricerche: impara dagli altri brand, scopri cosa funziona per loro e prendi ispirazione. Utilizza strumenti per verificare le metriche del tuo account e fare confronti con gli altri.
  2. Imposta un brief chiaro: fornisci agli influencer brief con gli obiettivi che vuoi raggiungere ma lascia spazio alla loro creatività.
  3. Scegli degli influencer di rilievo: cerca gli influencer giusti, utilizza gli hashtag su Instagram o delle piattaforme specializzate per trovare quello che fa al caso tuo.
  4. Concorda una formula di collaborazione: stabilisci i tempi, il tipo di contenuti da produrre, l’utilizzo dei contenuti, i pagamenti ecc.
  5. Massimizza il valore dei contenuti: pubblica i contenuti sulla pagina prodotto, come annunci di Facebook e sui social media